LA TECNICA LASER DA NOI ADOTTATA:

Il Laser Q-SWITCHED usato nel nostro poliambulatorio è uno dei più affidabili, permette di rimuovere anche tatuaggi di grandi dimensioni e un grande ventaglio di colori. La tecnologia di questo laser va’ a rompere selettivamente il pigmento del tatuaggio usando una specifica lunghezza d’onda per il colore in questione, che assorbendo l’energia luminosa viene frammentato; i frammenti vengono poi eliminati fisiologicamente dal nostro organismo attraverso i fagociti e il sistema linfatico.
Per rimuovere un tatuaggio sono necessarie più sedute, da eseguire a distanza di circa 60 giorni l’una dall’altra.
Il numero delle sedute varia a seconda di fattori come:

〉 Profondità del tatuaggio: più è superficiale il pigmento e più velocemente viene rimosso.
〉 Natura del tatuaggio: pigmenti naturali vengono rimossi più rapidamente di quelli ricchi di metalli pesanti.
〉 Età del tatuaggio: tatuaggi vecchi vengono rimossi più agevolmente, perché nel tempo hanno già subito una parziale degradazione grazie al sistema linfatico
〉 Dimensioni del tatuaggio: un tatuaggio piccolo viene rimosso più velocemente.

Per quantificare esattamente il numero delle sedute necessarie alla rimozione di un tatuaggio, è opportuno fare una prima visita senza impegno con nostro medico specializzato, in modo che si valuti il tipo di tatuaggio in termini di costi e tempistiche.
Il trattamento laser non è indolore, ma determina una sensazione di calore e pizzicore che in alcuni casi può essere attenuata con l’impiego di anestetici locali. Dopo ogni seduta viene applicata una medicazione con pomata antibiotica e garze. L’unico accorgimento da seguire a domicilio per il paziente, è quello di applicare protezione solare 50+ sull’area trattata o di non esporla al sole per circa un mese dopo ogni trattamento.
La ripresa alle normali attività quotidiane è immediata.
 Sarà inoltre possibile avvalersi dei nostri medici e professionisti qualificati per il servizio di epilazione definitiva.

Salva

TECNICHE ALTERNATIVE ALLA RIMOZIONE LASER DEL TATUAGGIO:
DERMOABRASIONE

La pelle viene levigata con una mola abrasiva o una spazzola permettendo all’inchiostro di uscire dagli strati più superficiali della pelle, in alcuni casi ci si aiuta con l’utilizzo di sale per aiutare la pelle a smaltire il pigmento, procedura di rimozione veloce e relativamente economica.

«In questo modo, però, si danneggiano gli strati superficiali della pelle non rimuovendo totalmente il tatuaggio e rischiando discromie e cicatrici evidenti». ALTAMENTE SCONSIGLIATO

CHIRURGIA

I tatuaggi si possono anche rimuovere con un’operazione chirurgica in anestesia locale. Il tatuaggio viene eliminato con il bisturi e i bordi della pelle vengono ricuciti insieme, tecnica complessa che comporta un rischio di infezione alto seppure la guarigione sia di breve durata.

«Il problema è che l’operazione non si può effettuare su tattoo di grandi dimensioni, crea cicatrici evidenti sia sulla zona trattata». POCO CONSIGLIATA

CRIOTERAPIA

Con la criochirurgia il tatuaggio viene congelato e poi bruciato con l’azoto liquido, e’ un operazione poco complessa ma non garantisce una buona guarigione.

«I risultati, però, sono scarsi e si può originare un’ustione a freddo che causa un flittene e cioè una bolla che contiene liquido e che provoca cicatrici». POCO CONSIGLIATO

ELETTRODERMOGRAFO

Si tratta di una procedura non medica dove si utilizza l’elettrodermografo, ovvero un generatore di corrente ad alta frequenza che va a “disgregare” il pigmento del tatuaggio, ustionando la pelle. Metodo comune poco costoso e rapido nel trattamento, comporta pero’ evidenti cicatrici.

«Non c’è però nessuna base scientifica che dimostri che il trattamento sia efficace, mentre c’è un rischio di ustione e soprattutto di cheloidi molto importanti». CONSIGLIATO SOLO PER COVER-UP

PEELING CHIMICO

Si effettua con l’applicazione di agenti chimici che formano sulla pelle delle vesciche che provocano il distacco della pelle in un secondo momento, tecnica veloce ma poco etica.

«Questa tecnica può provocare cicatrici e segni da ustione chimica. Il problema è che l’acido invece di essere iniettato a livello cutaneo viene messo nel sottocutaneo provocando danni per via dell’effetto necrotizzante che può riguardare qualsiasi cellula creando anche dei veri e propri granulomi epidermici». ALTAMENTE SCONSIGLIATA

CREME

In commercio, si trovano una profusione di creme che promettono di rimuovere i tatuaggi: dalla Tat-b gone alla Tatoo off, dal Wrecking balm al Profade. Sfaldano piano piano gli strati di pelle arrivando in fine al pigmento. Il ministero della sanita’ ne ha bandite numerose marche a causa dell’evidente pericolo di utilizzo casalingo. Poco costoso, ma putroppo non efficace e pericoloso.

“L’utilizzo di queste creme e’ ben testimoniato da numerosi video online che ne dimostrano l’inefficacia” ASSOLUTAMENTE SCONSIGLIATO

 IL TUO TATUAGGIO 

Il pigmento e' solo nero

Il pigmento nero e’ quello piu’ facile da rimuovere, infatti riesce ad assorbire tutta la lunghezza d’onda dell’impulso laser. Spesso e’ quello che da piu’ soddisfazione nell’essere rimosso poiche’ si riesce a vedere bene il suo scolorimento durante tutto il trattamento. La lunghezza d’onda del raggio per questo pigmento e’ il 1064nm.

Il pigmento e' colorato

Ogni colore viene trattato con lunghezze d’onda diverse, cosi da essere specifici e piu’ precisi. La nostra tecnologia puo’ utilizzare fino a quattro lunghezze d’onda diverse al contrario delle macchine base per rimozione di tatuaggi che ne hanno una sola. Purtroppo per certi colori, oggi 2017, non ci sono ancora lunghezze d’onda efficaci, con nessun tipo di tecnologia. Pigmenti di colore bianco, giallo, arancio, verde o comunque molto chiari vengono rimossi con piu’ sedute o non rimossi completamente. Il raggio di lunghezza d’onda 1064 nm (nanometri) è specifico per i colori nero, marrone e blu scuro, il raggio da 532 nm per i colori rosso, arancione e viola, il 585 per l’azzurro e il 650 per il verde e il giallo.

Di piccole dimensioni

I tatuaggi di piccole dimensioni impiegano lo stesso tempo di rimozione di un tatuaggio piu’ esteso, infatti l’impulso laser disperde la stessa quantita’ di energia lungo l’area di tutto lo spot. Il vantaggio e’ piu’ che altro economico, poiche’ sara’ meno costosa la seduta. Trattare una superficie piu’ piccola fa si che sia meno ostico curare la zona post laser.

Di grandi dimensioni

I tatuaggi di grandi dimensioni impiegano lo stesso tempo di rimozione di un tatuaggio piu’ piccolo, infatti l’impulso laser disperde la stessa quantita’ di energia lungo l’area di tutto lo spot. Se supera il palmo di grandezza sara’ opportuno trattarlo in piu’ sedute, cosi da evitare troppo stress per il derma.

Eseguito da molti anni

Il pigmento di un tatuaggio “vecchio” viene eliminato con meno sedute, infatti parte dei pigmenti piu’ piccoli sara’ gia’ stata fagogitata ed espulsa tramite il sistema linfatico naturalmente. Il corpo dal giorno stesso dell’esecuzione del tatuaggio, cerca di inglobarlo ed eliminarlo tramite i macrofagi. Questi pigmenti pero’ essendo troppo grandi non riescono ad essere rimossi. Proprio per questo motivo il tatuaggio con gli anni sembra sbiadito e le linee tendono ad allargarsi.

Eseguito da poco tempo

Un tatuaggio eseguito da poco tempo avra’ molto piu’ pigmento, cio’ implica un trattamento forse piu’ lungo e un impulso con potenza bassa, cosi da evitare qualunque tipo di danno alla pelle. Se il tuo tatuaggio ha meno di un anno, il nostro staff ti consigliera’ di non trattarlo ed aspettare.

LA NOSTRA TECNOLOGIA

La nostra scelta e’ caduta sull’azienda leader internazionale di macchinari medicali che essendo italiana ci ricorda come l’ingegneristica nostrana sia ancora una volta sintomo di eccellenza e competitivita’ globale.

Grazie alle 4 lunghezze d’onda a nostra disposizione riusciamo a coprire un ventaglio completo di colore del pigmento. Il Q-Switch che utilizziamo garantisce massima precisione grazie a uno spot quadrato che aiuta l’operatore per le richieste di rimozione parziale e blow-out.

La nostra macchina 

Troverete tutta le altre informazioni del caso direttamente nel link qui sopra ↑

Direttore sanitario Dott. Corrado Ballarini

Autorizzazione sanitaria PG 20555

Come rimuovere un tatuaggio ultima modifica: 2017-08-17T10:39:35+00:00 da hcintegrity